5 min.
1538

Text

Italia mia, benché’l parlar sia indarno
a le piaghe mortali
che nel’ bel corpo tuo sì spesse veggio,
piacem’ almen che e’ mia sospiri sian quali
sper’ il Tever e l’Arno
e ‘l Po, dove doglioso et grave hor’ seggio.
Rector’ del cielo, io cheggio
che la pietà che Ti conduss’ in terra
Ti volga al tuo dilett’ almo paese:
Vedi, Signor’ cortese
Di che levi cagion, che crudel guerra
I cori, che indur’ et serra
Marte superb’ et fero
apri Tu, Padre, e intenerisci et snoda
ivi fa che el tuo vero
qual io mi sia per la mia lingua s’oda.

— Francesco Petrarca, (1304-1374)

Translation

Modern Italian

Italia mia, benché el parlar sia indarno
a le piaghe mortali
che nello bel corpo tuo sì spesso veggio,
piacemmo almeno che i miei sospiri siano quali
spera il Tever e l’Arno
e il Po, dove doglioso e grave ora seggio.
Rettore del cielo, io chieggio
che la pietà che Ti condusse in terra
Ti volga al tuo diletto, almo paese.
Vedi, Signore cortese,
di che lievi cagion che crudel guerra;
e i cuori, che indura e serra,
Marte superbo e fero
apri, Tu, Padre, e intenerisci e snoda.
Ivi, fa che el Tuo vero,
qual io mi sia, per la mia lingua s’oda.

English

My Italy, although to speak is vain
[to heal] the mortal wounds
that upon your beautiful body I so often see,
I am content at least that my sighs may be such
hope to the Tiber and the Arno
and the Po, where sorrowfully and gravely now I sit.
Ruler of heaven, I beg
that the pity that brought You to earth
may return You to your beloved, noble country.
See, gracious Lord,
of what slight cause this cruel war;
and the hearts, which are hardened and closed
by Mars, proud and fierce,
open [them], You, Father, and soften and unknot [them].
Therein, let it be that Your truth,
whatever I may be, through my speech be heard.

Coming soon...

Contact info@notenova.com for more information.

Listen